Chi siamo



 

L’associazione Onlus Accademia della Voce del Piemonte Alto Perfezionamento Lirico, Strumentale e “Soirées Musicali” è una onlus che pur essendo nata anni fa come costola de La Nuova Arca, se ne è affrancata, si è pienamente emancipata, gode di autonomia giuridica ed amministrativa e  dopo la modifica notarile dello statuto, assume in sé anche l’onere e l’onore di dar vita alle "Soirées Musicali". Una premessa è d'obbligo. l'attività dell'Accademia della Voce del Piemonte scaturisce dall'insieme coordinato della didattica di Alto Perfezionamento Lirico e della stagione concertistica. Il che sintetizza il pensiero di sempre, dare una coscienza professionale ai giovani cantanti lirici e inserirli nel mondo dello spettacolo, aprendo loro importanti prospettive di lavoro. La XXIX stagione 2018-2019 di quest'anno si apre con un progetto realizzato con la Compagnia di San Paolo che contempla due stages di sedici giorni l'uno a settembre e ottobre, affidati a artisti/docenti di rilevante professionalità riconosciuta internazionalmente: il foniatra prof. Diego Cossu, il soprano Barbara Frittoli e il M° Sonia Franzese. Si replicherà a ottobre il celebre tenore Francisco Araiza, al posto della Frittoli.  Subito dopo una cerimonia di valore assolutamente mondiale. Il Premio Internazionale Arca d'Oro Italia alla carriera verrà consegnato il 5 novembre ad una delle stelle della lirica: Renata Scotto, mentre il Premio Arca d'Oro Italia Giovani Talenti sarà consegnato al soprano armeno Astghik Kanamiryan, vincitrice del 1° Concorso Internazionale Piemonte Opera Voci dal Mondo 2017. Non è esclusa per fine anno una sorpresa di valore...spaziale.
Ma un'altra novità d'eccellenza caratterizza la stagione 2018-2019: la seconda edizione del 2° Concorso Internazionale "Piemonte Opera - Voci dal Mondo", che avrà come presidente di giuria, un'artista di straordinario talento e personale prestigio: il mezzosoprano Luciana D'Intino. In giuria, Barbara Frittoli, Alessandro Corbelli, Linda Campanella e il M° Sonia Franzese, nostro direttore artistico. Questa felice liaison tra didattica di alto perfezionamento e concertismo porta inevitabilmente ad una programmazione che non vuole e non deve dar luogo a quello che facilmente potrebbe essere inteso come uno slogan. "Dall’Alto Perfezionamento al Palcoscenico" è una realtà che si vive quotidianamente, respirando la stessa atmosfera che ci fanno respirare i grandi artisti/docenti. E' noto, infatti, che in questi lunghi anni l'Accademia ha creato artisti di assoluto valore che calcano i palcoscenici di mezzo mondo. 
La direzione artistica, da anni appannaggio del M° Sonia Franzese, Laurea in pianoforte, in canto lirico, Laurea biennale in Disciplina dell’Arte della Musica e dello Spettacolo, Televisione e Nuovi Media, Laurea magistrale in Storia del Cinema e del Teatro, direttore di Coro, assistente del M° Bruno Casoni alla Scala per le “Voci Bianche”, quest'anno ha inserito nell'Attività didattica anche il Terzo Corso: studio della lingua italiana. Una convenzione con l'Università di Torino consentirà l'intervento in Accademia di un docente qualificato per le lezioni di italiano. Il che permetterà ai giovani cantanti stranieri di poter fruire di un diploma che certifichi la loro partecipazione al corso.  
E ciò per favorire gli studenti stranieri che potranno così approfondire lo studio dell'italiano e comprendere quanto sia importante il significato poetico dell'opera. E' questa correlazione tra i due aspetti artistico e didattico che deve sollecitare l'attenzione delle istituzioni pubbliche e private. Oltre ai due stages di cui si è detto, saranno QUATTRO le Master class di una settimana, che saranno tenute da Mariella Devia (con selezione), - Luciana D'Intino - Barbara Frittoli e Linda Campanella.
Il Corso annuale di tecnica e Interpretazione sarà affidato a Linda Campanella, cantante e pianista di raffinate qualità tecniche e interpretative, quello per lo Studio del repertorio, come sempre a Sonia Franzese. Sono in fase di progettazione DUE STAGES ESTIVI, aperti a giovani cantanti stranieri che vogliano trascorrere 10/15 giorni a Torino, per studiare Canto, ma anche per conoscere la nostra città. Si consacra così definitivamente l’Accademia della Voce del Piemonte come punto di riferimento internazionale per giovani cantanti provenienti da tutto il mondo per riaffermare la “Tecnica del Garçia” metodo applicato in modo rigoroso dagli artisti/docenti che costituiscono un vero “parterre de roi” dell’Accademia.
Tutti gli artisti docenti godranno della collaborazione di pianisti di grande esperienza lirica: Svetlana Yurchenko nella classe annuale, che da oltre vent'anni collabora con l'Accademia, Eleonora Siciliano, Leonardo Nicassio e Giannandrea Agnoletto .
Diciannove i concerti della XXIX stagione che si terranno a Torino, Asti, Castelnuovo Don Bosco, Calosso d'Asti.
L'Accademia da anni riserva la propria attenzione ai concerti benefici ed agli aspetti sociali che affliggono ancora il nostro Paese. Così il 14 dicembre 2018 nella Sala Viglione, in Consiglio Regionale, si terrà il convegno "I diritti umani nell'America Latina e nel Continente Africano" presieduto da Mons. Marcelo Sanchéz Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia di Scienze. 
Tutto ciò, dopo aver condiviso negli anni precedenti – e ci si riferisce agli anni Novanta – fantastiche esperienze con i Master di Yuri Ahronovitch, Virginia Zeani, Alfredo Kraus, Franco Corelli, Enzo Dara, Claudio Desderi, Franca Mattiucci. Anni gloriosi in cui l’Accademia della Voce del Piemonte (prima …di Torino) ha esportato, auspice la Regione Piemonte, la cultura lirica italiana ed europea in tutto il mondo. Proprio per questa ragione l'Accademia rivolge particolare attenzione ai cantanti stranieri che ogni anno sempre più numerosi si riversano nel nostro Paese. E' quindi doveroso dare loro la possibilità di studiare con eminenti artisti che hanno fatto e fanno la storia del teatro lirico. E’ questa, in estrema sintesi, la vera storia della nostra Accademia, che ha vissuto momenti di eccellenza. Oltre ad aver rappresentato negli Anni '90 e all'inizio del 2000 il Piemonte Lirico nel mondo, il 7 settembre del 2010 in onore di Benedetto XVI a Castel Gandolfo, il compianto Claudio Desderi, ha eseguito - graditissima dal Papa emerito  - la “Messa da requiem” di Mozart, coordinata dalla nostra Alida Tua, con giovani artisti dell'Accademia e il Coro diretto da Sonia Franzese.
Oggi è tempo di svolte nella cultura musicale italiana che, al di là di alcune eccellenze, si sta disperdendo nell'indifferenza generale e nell'incapacità di organizzare gli studi. Troppi riconoscimenti, troppe pretese soprattutto da parte dei giovani, mentre altri Paesi mantengono alto l'onore delle loro tradizioni e altre nazioni, quelle orientali, cercano disperatamente da noi la "verità tecnica e interpretativa" del nostro patrimonio lirico.
Proprio da questo punto di vista si dà avvio ad un accordo con l'associazione  cinese "Sonora" che, con la presidente Hanxi Yang opera scambi culturali, soprattutto con la Cina. Non v'è alcun dubbio che gli studenti di canto stranieri, almeno dal punto di vista musicale, sono ben preparati, anche se mancano loro alcune certezze e quella varietà interpretativa, espressione di una corretta tecnica di canto.
Ecco perché l'Accademia chiede alle istituzioni (che si trovano anch'esse in difficoltà) di voltare pagina e sostenere, superando l'imperversante burocrazia, le associazioni storiche che rischiano di veder vanificati decenni di lavoro.  E voltare pagina, nel nostro caso significa anche guardare al passato, per trarre nuovo slancio ed entusiasmo dall'esperienza che ancora ci rende unici nel mondo.
Siamo vicini alle istituzioni con i nostri sforzi e ciò grazie anche alla tenacia diplomatica del Console della Bulgaria, Gianni Maria Stornello, che crede fermamente nel futuro dell'Accademia della Voce del Piemonte. Lanciamo così un appello a tutti gli appassionati della musica lirica, affinché si uniscano a noi e condividano l'impegno e l'entusiasmo dell'Accademia della Voce del Piemonte, che prepara, sempre a beneficio dei giovani cantanti lirici, un progetto didattico speciale, internazionale, di cui vi daremo contezza entro la fine di dicembre, sperando che la politica non giochi altri brutti scherzi e che la cultura possa tornare a sorridere. Con questo auspicio desidero ringraziare i collaboratori dell'Accademia che si sono prodigati per allargarne gli orizzonti anche in questi ultimi mesi, ma non senza rivolgere un affettuoso ideale abbraccio a Elda Caliari che con me e Baba Richerme, sua adorata figlia, ha fondato "Le Soirées Musicali". 

Armando Caruso

 

 

Armando Caruso
Socio fondatore 
Presidente
Giornalista


 

Sonia Franzese
Direttore artistico
Direttore di Coro


Beppe Ursone 
Vice presidente 

Robert Baiocco
Consigliere Segretario generale
Musicista 

Alida Tua
Pubbliche Relazioni ROMA

Valentina Vinci
Amministrazione

Raffaella Simonetti
Rapporti con le Istituzioni







I nostri soci 

Marco Battaglia
Karin Geue
Laura D'Alò
Patrizia Baroni
Luciana Piccardi
Roberta Vescera
Cristina Parri
Gianni Nazzaro
Martina Petitti
Daniela Ballauri 
Gio Dardano
Natalia Bonetti Dardano